Facebook alla conquista del broadcasting


Cogli l’attimo. È arrivato Facebook Live. La novità era apparsa nell’agosto del 2015, collegata alla app Fb Mentions, dunque riservata solo a personaggi famosi e utenti verificati. Oggi è disponibile per chiunque disponga di un iphone e presto anche per tutti i dispositivi Android.

Facebook Live consente di andare in diretta video notificando ai propri fan e amici che lo streaming è in corso. Da qualche settimana  il servizio ha preso piede, come si saranno accorti molti utenti dal crescente numero di notifiche che appare sulla propria timeline.

Ma si può andare ben oltre all’essere semplici spettatori e diventare protagonisti della propria diretta. L’utilizzo della funzione è semplicissimo, basta aprire la composizione dello status e cliccare sul bottone per la registrazione e condivisione in diretta del video: un clic e la registrazione inizia, andando in broadcasting sul proprio canale. Al termine la registrazione resta sul proprio diario come un qualunque altro video caricato.

E’ la nuova frontiera degli investimenti per il colosso di Mark Zuckerberg, che sembra proprio puntare a fare di Facebook una piattaforma per il broadcasting, capace di far concorrenza non solo ai suoi rivali social (Facebook Live è la risposta a Periscope di Twitter, ma anche a Snapchat) ma addirittura alle emittenti tv e ai colossi del giornalismo.

Con i quali per ora cerca soprattutto un’alleanza. Facebook Live infatti è stato proposto a grandi gruppi editoriali, con investimenti che sarebbero stati sostenuti direttamente da Menlo Park. Così almeno ha dichiarato l’agenzia Reuters alla quale Will Cathcart, vice presidente della Divisione Prodotti di Facebook, ha rivelato che il Social media avrebbe pagato alcuni partner editoriali, tra cui New York Times, BuzzFeed e Huffington Post, per fornire video con cui implementare il “palinsesto” di Facebook Live da mettere a disposizione degli utenti.

L’avvio della campagna elettorale negli USA è stato un banco di prova interessantissimo tanto che anche Hillary Clinton ha trasmesso per prima un proprio intervento in diretta da Harlem seguito da 250.000 spettatori. Ed anche in Italia il picco di dirette delle ultime settimane sembra ammiccare all’utilizzo di Facebook Live per la campagna elettorale delle prossime amministrative di giugno. Uno strumento molto interessante per i candidati che potrebbero in questo modo “dribblare” le maglie strette della par condicio televisiva e andare in onda su un vero e proprio “personal channel”.

Anche l’editoria giornalistica italiana sta sperimentando degli accordi. I quotidiani locali del  Gruppo L’Espresso hanno annunciato lo scorso 8 aprile l’avvio degli streaming video sulle proprie pagine Facebook.

Ma le opportunità non si fermano a politica e giornalismo.

Facebook Live diventerà presto uno strumento di comunicazione anche per Aziende e Grandi marche che potranno sfruttarne le potenzialità in occasione di eventi, conferenze stampa, presentazione di prodotti.

E’ lo stesso Facebook a fornire i suggerimenti  ricordando le molteplici opzioni connesse a questa nuova funzionalità.

 

int_01

Ad esempio la possibilità di aprire delle sessioni di Q&A durante lo streaming, rispondendo agli utenti/spettatori e rivolgendosi a loro direttamente, come in una comunicazione one to one. O ancora creare delle vere e proprie serie video, con puntate in diretta per seguire un particolare aspetto della propria realtà. Oppure creare dei tutorial in diretta, organizzare Master class o demo live.

Tra i settori che potrebbero sperimentare con maggior successo Fb Live c’è sicuramente il turismo. Mostrare località e itinerari in diretta può costituire un’opportunità per incuriosire e attrarre nuovi visitatori. Tanto più che Facebook ha già spinto in là l’evoluzione, con un’ulteriore novità che pare proprio taglaiata su misura per turismo ed eventi sportivi. In occasione dell’ F8, Facebook ha lanciato un dispositivo, per ora di fascia alta, per la realizzazione di video a 360°. Una videocamera realizza formati ad altissima risoluzione in 8k, perfetti per al realtà virtuale, che fanno riprese panoramiche a tutto tondo “montando” in diretta molteplici spezzoni video da varie angolature.

Il risultato è un video immersivo, in cui lo spettatore si sente al centro della ripresa.

E tanto per capire quanto la comunicazione video live sia strategica per i Social (già oggi su Facebook il tempo medio di visualizzazione di una diretta è tre volte superiore a quello di un filmato tradizionale) a questa evoluzione ha già dato risposta YouTube annunciando le dirette streaming a 360 gradi con l’audio spaziale per  un effetto simile al “surround” del cinema.

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn